FAQ

Tutte le risposte che cerchi sul contratto di leasing di BPER Leasing

FAQ Contratto di Leasing

FAQ Leasing auto per professionisti e aziende

  • Cosa devo fare per adeguare il valore assicurato sulla polizza auto?

    Devi chiedere preventivamente autorizzazione a BPER Leasing ad adeguare il valore assicurato. BPER Leasing darà comunicazione alla Compagnia. Dovrai poi inviare a BPER Leasing copia della polizza rinnovata.

    I servizi sono assoggettati alle spese nei limiti previsti dai fogli informativi ai sensi della legge sulla trasparenza bancaria.

  • Cosa devo fare in caso di furto di un bene non targato?

    Devi presentare denuncia alle Autorità competenti e inviarne copia a BPER Leasing.

    Nel caso di polizza stipulata direttamente dal te in qualità di cliente, dovrai trattare direttamente l'indennizzo con la Compagnia e firmare l'atto di liquidazione. Al momento del risarcimento, in virtù del vincolo a favore di BPER Leasing, la Compagnia richiederà a BPER Leasing il nulla osta a liquidare direttamente te, in qualità di cliente.

    Nel caso di polizza stipulata da BPER Leasing il risarcimento verrà fatto direttamente a favore del cliente.

    BPER Leasing provvederà a chiudere il contratto e invierà al cliente fattura di alienazione.

  • Cosa devo fare in caso di furto del veicolo?

    In caso di furto di un veicolo targato, devi presentare denuncia alle Autorità competenti e inviarne copia conforme all'originale a BPER Leasing. Dovrai poi comunicare l'evento alla Compagnia e per conoscenza a BPER Leasing che, trascorsi 30 giorni, provvederà a chiudere il contratto, a inviarti la fattura di alienazione e a trasmettere alla Compagnia la documentazione relativa alla perdita di possesso del mezzo e la relativa "procura a vendere". Al momento del risarcimento, nel caso di polizza stipulata direttamente da te, in qualità di cliente, la Compagnia richiederà a BPER Leasing il nulla osta a liquidare direttamente te, in qualità di cliente.

    In caso di furto di un veicolo non targato, devi presentare denuncia alle Autorità competenti e inviarne copia a BPER Leasing. Nel caso di polizza stipulata direttamente dal te in qualità di cliente, dovrai trattare direttamente l'indennizzo con la Compagnia e firmare l'atto di liquidazione. Al momento del risarcimento, in virtù del vincolo a favore di BPER Leasing, la Compagnia richiederà a BPER Leasing il nulla osta a liquidare direttamente te, in qualità di cliente. Nel caso di polizza stipulata da BPER Leasing il risarcimento verrà fatto direttamente a favore del cliente. BPER Leasing provvederà a chiudere il contratto e invierà al cliente fattura di alienazione.

  • Cosa devo fare se ritrovo l'autovettura rubata?

    Si possono verificare tre situazioni differenti:

    • se il ritrovamento avviene entro 30 giorni dal furto, devi solo darne comunicazione a BPER Leasing e rientrare in possesso dell'autovettura;
    • se il ritrovamento avviene dopo 30 giorni dal furto e l'indennizzo assicurativo non è ancora stato liquidato, devi inviare a BPER Leasing copia conforme della denuncia di ritrovamento e procedere a rientrare in possesso del veicolo. BPER Leasing provvederà alla riattivazione del contratto;
    • se il ritrovamento avviene successivamente alla liquidazione, il contratto deve intendersi, comunque, concluso.
  • Cosa devo fare se subisco un danno all'autovettura?

    Devi darne tempestiva comunicazione alla Compagnia e a BPER Leasing. Successivamente, dovrai concordare l'indennizzo con il perito incaricato dalla Compagnia, provvedere alla riparazione del veicolo e inviare alla Compagnia copia della fattura di riparazione. Dovrai poi inviare a BPER Leasing una dichiarazione di ripristino delle condizioni del veicolo all'indirizzo mail sinistri@sardaleasing.it

    Al momento del risarcimento, nel caso di polizza stipulata direttamente dal cliente, la Compagnia richiederà a BPER Leasing il nulla osta a liquidare direttamente il cliente.
  • Cosa devo fare se intendo demolire il veicolo a causa di danno irreparabile?

    Devi inviare comunicazione a BPER Leasing via e-mail all'indirizzo contrattistrumentale@sardaleasing.it, utilizzando il modulo demolizione veicolo. BPER Leasing provvederà alla chiusura del contratto e ad inviarti la prevista documentazione che consegnerai al demolitore autorizzato.

    Successivamente alla demolizione dovrai fornire a BPER Leasing il documento di avvenuta demolizione. Al momento del risarcimento, nel caso di polizza stipulata direttamente dal cliente, la Compagnia richiederà a BPER Leasing il nulla osta a liquidare direttamente il cliente.

  • Cosa devo fare per adeguare il valore assicurato sulla polizza auto?

    Devi chiedere preventivamente autorizzazione a BPER Leasing ad adeguare il valore assicurato. BPER Leasing darà comunicazione alla Compagnia. Dovrai poi inviare a BPER Leasing copia della polizza rinnovata.

    I servizi sono assoggettati alle spese nei limiti previsti dai fogli informativi ai sensi della legge sulla trasparenza bancaria.

  • I trasferimenti di proprietà dei veicoli sono assoggettati alla Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT)?

    Sì, i trasferimenti di proprietà dei veicoli – nuovi e usati – sono assoggettati alla Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT). Il soggetto passivo dell'imposta è l'acquirente o, nel caso di leasing, l'utilizzatore.

  • A quanto ammonta l’importo base dell’Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT)?

    L'importo base dell'IPT è stabilito con Decreto del Ministero delle Finanze, viene versato a favore della Provincia in cui ha sede l'acquirente (nel caso di locazione finanziaria, la società di leasing) e può essere maggiorato dalle Province fino al 30% del suo valore iniziale.

    La recente modifica della disciplina dell'IPT prevede, per gli autoveicoli nuovi ed usati – a prescindere dalla natura del cedente (soggetto IVA o privato) – i seguenti costi:

    • fino a 53 Kw di potenza: la misura fissa di euro 150,81 (oltre all'eventuale maggiorazione provinciale che può arrivare al 30%);
    • oltre a 53 Kw: euro 3,51 per Kw (oltre all'eventuale maggiorazione provinciale).

  • Sui riscatti dei contratti è prevista l’Imposta Provinciale di Trascrizione?

    Dal 1° gennaio 2014 sui riscatti dei contratti non è dovuta l'IPT (salvo i casi di riscatto a terzi non preceduti da subentro).

FAQ Leasing immobiliare per professionisti e aziende

  • La durata rappresenta un vincolo di natura contrattuale?

    La durata non rappresenta più un vincolo di natura contrattuale da rispettare pena l’indeducibilità dei canoni in capo all’utilizzatore (impresa NO IAS adopter e lavoratore autonomo), ma rappresenta esclusivamente l’arco temporale minimo entro il quale sarà possibile dedurre i canoni di leasing (art.4 bis legge n. 44 di conversione del d.l. 2 marzo 2012, n. 16).

  • È possibile ottenere il finanziamento dell’imposta di registro e ipocatastale?

    Sì, è possibile.

  • Quando occorre avere una polizza assicurativa per la copertura dei “rischi del costruttore”?

    In presenza di operazioni aventi a oggetto immobili da costruire o da ristrutturare, il cliente deve predisporre polizza assicurativa per la copertura dei c.d. "rischi del costruttore", comprendente i rischi di "rovina" e gli eventuali danni che l'immobile possa subire o arrecare durante la fase di realizzazione.

  • In caso di immobili in costruzione bisogna corrispondere gli “anticipi di corrispettivo”?

    In caso di immobili in costruzione, dal momento della stipula del contratto di leasing fino alla decorrenza del contratto, dopo la conclusione dei lavori e la consegna dell’immobile ultimato con le relative certificazioni di legge, l’Utilizzatore dovrà corrispondere gli “anticipi di corrispettivo”, calcolati sui pagamenti effettuati dal concedente (oneri di pre-locazione) al netto degli anticipi pagati dal cliente (macrocanone), sopportando quindi i costi finanziari connessi agli esborsi previsti senza la contropartita dell’utilizzo del bene.

  • Da quando decorre il contratto di locazione finanziaria di immobile?

    Il contratto di locazione finanziaria di immobile, sia finito che da costruire o da ristrutturare, decorre finanziariamente dal momento della consegna del bene provvisto del certificato di agibilità (o documentazione equipollente) questo perché la mancanza di tale certificato può comportare l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria in capo alla società di leasing nella sua qualità di proprietario dell'immobile.

FAQ Leasing energetico per professionisti e aziende

FAQ Leasing strumentale per professionisti e aziende

  • La durata rappresenta un vincolo di natura contrattuale?

    La durata non rappresenta più un vincolo di natura contrattuale da rispettare pena l’indeducibilità dei canoni in capo all’utilizzatore (impresa NO IAS adopter e lavoratore autonomo), ma rappresenta esclusivamente l’arco temporale minimo entro il quale sarà possibile dedurre i canoni di leasing (art.4 bis legge n. 44 di conversione del d.l. 2 marzo 2012, n. 16).

  • Il canone di leasing per i beni strumentali è deducibile?

    Per i beni strumentali utilizzati in via esclusiva nell’esercizio dell’impresa, dell’arte o della professione, il canone di leasing è deducibile al 100%.
    Per i beni strumentali utilizzati sia nell’esercizio dell’impresa, dell’arte o della professione che per scopo privato da parte dell’utilizzatore, il canone di leasing è deducibile al 50%.

FAQ Leasing d'azienda

  • Come funziona il leasing d’azienda?

    Il leasing d'azienda è un contratto in base al quale un'azienda di leasing (Locatore) acquista un'azienda o ramo aziendale per conto di un soggetto economico (Utilizzatore) e glielo cede in locazione finanziaria, di norma capitalizzando sul valore originario l'imposta di registro, impegnandosi a riconoscere a quest'ultimo un diritto di riscatto da esercitare al termine della durata contrattuale a condizioni prefissate.

  • A che settore si rivolge il leasing d’azienda di BPER Leasing?

    Le operazioni di leasing d’azienda sono destinate al settore della distribuzione alimentare, con il supporto di patto di subentro/riacquisto rilasciato da garante.

  • Il leasing d’azienda è soggetto a imposta di registro?

    Il trasferimento dell’azienda o ramo aziendale, conseguente all’esercizio del diritto di riscatto, è soggetto ad imposta di registro, sul valore della/o stessa/o al momento del riscatto.

FAQ Finanziamento contestuale

FAQ Leasing nautico da diporto per privati

  • Che aliquota IVA si applica al leasing nautico da diporto per privati?

    In Italia l'aliquota applicata nella misura ordinaria è pari al 22%.
    Dal 1° gennaio 2001, in base al collegato della Finanziaria 2000 (art. 46 della Legge 21/11/2000 n° 342), la locazione finanziaria di mezzi di trasporto utilizzati al di fuori dell'Unione Europea non è territorialmente rilevabile, pertanto non è assoggettabile ad IVA. Il corrispettivo da assoggettare è solo quello riferibile all'utilizzo nel territorio comunitario.


    In funzione di tale principio, l'Agenzia delle Entrate ha determinato in via forfetaria le percentuali del corrispettivo da assoggettare differenti secondo la lunghezza dell'imbarcazione (C.M. n° 94/E del 7 giugno 2002):

    • unità da diporto a motore (lunghezza superiore a 24 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 30%
      • risparmio in Italia: 70%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 6,60%

    • unità da diporto a motore (lunghezza 16,01-24 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 40%
      • risparmio in Italia: 60%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 8,60%

    • unità da diporto a motore (lunghezza 12,01-16 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 50%
      • risparmio in Italia: 50%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 11,00%

    • unità da diporto a motore (lunghezza 7,51-12 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 60%
      • risparmio in Italia: 40%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 13,20%

    • unità da diporto a motore (lunghezza fino a 7,50 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 90%
      • risparmio in Italia: 10%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 19,80%

    • unità da diporto a vela (superiore a 24 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 30%
      • risparmio in Italia: 70%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 6,60%

    • unità da diporto a vela (lunghezza 20,01-24 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 40%
      • risparmio in Italia: 60%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 8,60%

    • unità da diporto a vela (lunghezza 10,01-20 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 50%
      • risparmio in Italia: 50%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 11,00%

    • unità da diporto a vela (lunghezza fino a 10 metri):

      • percentuale del corrispettivo da assoggettare a IVA: 60%
      • risparmio in Italia: 40%
      • incidenza dell'IVA sul valore intero dell'imbarcazione in Italia: 13,20%

    La norma, in ogni modo, dispone che la base imponibile sia determinata in relazione all'utilizzo del mezzo. Pertanto, se il contribuente può provare in modo oggettivo l'utilizzo dell'imbarcazione in acque non comunitarie per una percentuale superiore a quella stabilita dall'Agenzia delle Entrate, può adeguare l'imponibile sulla base di tali valutazioni.

FAQ Leasing posto barca per privati

FAQ Prestito nautico per privati

  • Il prestito nautico deve essere garantito da un’ipoteca?

    L’operazione è garantita da ipoteca di primo grado sull’imbarcazione finanziata a favore della società finanziatrice, di importo pari al totale delle rate da corrispondere. Dal punto di vista operativo, il Venditore rilascia consenso a iscrivere l’ipoteca (terzo datore di ipoteca), il cui costo è a carico dell’acquirente.

  • Come viene erogato il finanziamento?

    Il finanziamento viene erogato e liquidato, contestualmente all’atto di vendita dell’imbarcazione, direttamente al venditore, sulla base di un mandato irrevocabile da parte del Finanziato, solo dopo l’iscrizione dell’ipoteca.

  • Quando viene cancellata l’ipoteca?

    L’ipoteca viene cancellata, a spese del finanziato, una volta che saranno state corrisposte tutte le rate previste o alla chiusura del contratto in caso di estinzione anticipata.

FAQ Leasing nautico per attività commerciale

  • Quando le attività nautiche commerciali possono sfruttare la non imponibilità IVA dei canoni di leasing?

    L’Agenzia delle Entrate riconosce la non imponibilità nel caso in cui le imbarcazioni, oltre ad essere progettate per la navigazione d’alto mare, siano materialmente e prevalentemente impiegate oltre le 12 miglia nautiche dalla costa, distanza che per convenzione internazionale è per la maggior parte dei Paesi considerata il limite delle acque territoriali. Infatti, l’Agenzia arriva alle seguenti conclusioni: «si ritiene che una nave possa considerarsi “adibita alla navigazione in alto mare” se, con riferimento all’anno precedente, ha effettuato in misura superiore al 70 per cento viaggi in alto mare (ovvero, oltre le 12 miglia marine). Tale condizione deve essere verificata per ciascun periodo d’imposta sulla base di documentazione ufficiale».

  • Il nuovo Codice della Nautica avvantaggia il leasing nautico?

    Il nuovo Codice della Nautica, adottato definitivamente dal Consiglio dei Ministri il 2 Novembre 2017, introduce  semplificazioni nelle procedure di iscrizione, con un tempo limite per il rilascio per i documenti, la licenza di navigazione provvisoria, la riforma della patente nautica, elementi che, unitamente al riconoscimento del contratto introdotto dalla Legge sulla concorrenza, determinano vantaggi non solo ai diportisti privati, ma anche a favore dei dealer e delle società di charter.

FAQ Leasing immobiliare abitativo prima casa

  • Cosa si intende per abitazione principale?

    Per abitazione principale deve intendersi “quella nella quale la persona fisica che la possiede o i suoi familiari dimorano abitualmente”. Per fruire delle detrazioni IRPEF previste dalla Legge di Stabilità 2016 è necessario che l’immobile oggetto dell’operazione di leasing immobiliare abitativo venga destinato dall’utilizzatore ad abitazione principale entro un anno dalla consegna; a tal fine si considera abitazione principale secondo le disposizioni del Testo Unico delle Imposte sui redditi “quella nella quale la persona fisica o i suoi familiari dimorano abitualmente”.
    Non è quindi richiesto che nell’immobile dimori abitualmente l’utilizzatore in prima persona. È sufficiente che vi dimori un familiare. Per familiari, sempre ai fini delle imposte sui redditi, si intendono il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado.

  • Chi è il proprietario dell’immobile quando ci si finanzia col leasing?

    Nel contratto di leasing finanziario “Prima Casa”, la società di leasing è proprietaria dell’immobile fino a che l’utilizzatore non eserciti l’opzione finale di acquisto (riscatto). Una volta esercitata l’opzione finale di acquisto si perfeziona il trasferimento del diritto di proprietà dalla società di leasing al soggetto utilizzatore.

  • Cosa succede quando il contratto di leasing è stato stipulato prima dei 35 anni ma questa età venga superata prima del 31 dicembre 2020?

    Nulla. Le condizioni dell’età e del reddito complessivo devono essere soddisfatte esclusivamente al momento della stipula del contratto di leasing.

  • Se il cliente ha più di 35 anni può acquistare l’abitazione principale con un leasing?

    Il leasing immobiliare abitativo può essere stipulato da qualsiasi persona fisica a prescindere dalla età (anche se non è previsto il finanziamento qualora l’età del cliente, a fine contratto, superi i 75 anni), dal reddito (con gli stessi limiti massimi di impegno finanziario previsti per l’erogazione di un mutuo) e dalla proprietà di altri immobili abitativi; sono invece subordinate a specifici requisiti soggettivi e/o oggettivi le agevolazioni fiscali previste dalla Legge di Stabilità 2016:

    • le detrazioni IRPEF vengono riconosciute solo a soggetti con reddito inferiore a 55.000 euro, che non siano titolari dei diritti di proprietà su altri immobili abitativi, e in misura diversa a seconda dell’età (sopra o sotto i 35 anni);
    • le agevolazioni “prima casa” in tema di imposta di registro vengono riconosciute solo ad abitazioni diverse da quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e solo nel caso in cui l’utilizzatore possieda i requisiti soggettivi per accedere a tale tipo di agevolazione.

  • È obbligatorio esercitare l’opzione finale di riscatto?

    No. L’opzione finale di acquisto rappresenta una facoltà dell’utilizzatore il quale può anche scegliere di non esercitarla. In tal caso deve restituire l’immobile alla società di leasing.

  • Cosa succede se una coppia è cointestataria di un leasing Prima Casa e entrambi possiedono i requisiti (ciascuno un reddito complessivo non superiore a 55.000 euro e un’ età inferiore a 35 anni)?

    Si considera il reddito complessivo per singola persona e le agevolazioni IRPEF sono ridotte al 50% (salvo il caso di coniuge fiscalmente a carico). Pertanto ciascuno può detrarre il 19% del canone leasing con un limite massimo di 4.000 euro e il 19% con un limite massimo di 10.000 euro al momento del riscatto.

  • I costi del notaio sono a carico del cliente?

    Sì, i costi del notaio sono a carico del cliente.

  • Le agevolazioni fiscali previste per chi ha fatto un leasing abitativo terminano il 31/12/2020?

    No, chi ha stipulato il contratto entro quella data continua a godere delle agevolazioni previste per la durata del finanziamento.

FAQ ASSILEA (Associazione Italiana Delle Società Di Leasing)